Milano si arrende a Trento per 3-0

SHARE

Il recupero della decima se lo aggiudicano i trentini in 3 set: per la Coppa Italia dipende tutto dal risultato di Monza

IN SINTESI: Epifania amara per Milano che si arrende per 3-0 (25-18, 25-17, 25-15) ai padroni di casa dell’Itas Trentino. L’Allianz Powervolley cade sotto i colpi dell’ex Nimir con il recupero della decima giornata del girone di andata che premia i padroni di casa. Troppo ampio il divario tecnico e fisico in questo momento tra le due compagini, con Milano che ha commesso anche qualche errore di troppo e che non ha giocato la sua miglior partita. Le parole a fine gara del capitano Matteo Piano fotografano il match: «Con grande onore per questo avversario che ha meritato la vittoria, Milano poteva fare di più. Non abbiamo saputo vivere la difficoltà che c’è stata oggi. Dovremo modellare quello che di buono ci teniamo della partita di oggi per cercare di farne nascere qualcosa di positivo, sperando che sia per noi motivo di riscatto».

TRENTO – Non riesce l’impresa all’Allianz Powervolley che esce sconfitta nel recupero della decima giornata del girone di andata di Superlega. Ad avere la meglio sulla formazione meneghina sono i padroni di casa dell’Itas Trentino che, grazie ad una prestazione determinata e concreta, hanno fatto proprio il match infliggendo a Milano un 3-0 che lascia Piano e compagni con l’amaro in bocca e senza punti (25-18, 25-17, 25-15).

È una Epifania non felice per Milano che, dopo la sconfitta alla prima gara del 2021 con Verona, si deve arrendere all’evidente superiorità dei propri avversari. Troppo ampio il divario tra le due squadre in questo momento, con i ragazzi di coach Piazza ancora alla ricerca della miglior condizione fisica e del ritmo gara dopo un periodo di stop forzato causa Covid-19 che ha tenuto la squadra lontano dai campi per tutto il mese di dicembre. Dall’altra parte della rete l’Allianz Powervolley non poteva incontrare un avversario peggiore, ovvero un’Itas Trentino arrivata al match con i meneghini con grande entusiasmo derivante dal successo su Perugia, ma allo stesso tempo con nelle gambe tre partite giocate negli ultimi nove giorni. Salgono così a 13 le vittorie dei dolomitici su Powervolley, con l’unico successo di Milano su Trento che risale al 15 ottobre 2017 quando l’allora Revivre Milano si impose 3-2 al tie break proprio in casa della Diatec Trentino. Dopo 1 ora 15 minuti di gioco, l’ex Nimir insieme ai suoi compagni ha inflitto un nuovo “dolore” ai meneghini e con la vittoria per 3-0 Trento si è presa l’intera posta in palio lasciando Milano a mani vuote sulla via del ritorno verso casa. Per l’Allianz Powervolley è stato un confronto arduo, contro una squadra come Trento che ha dato prova dei valori che sono in seno al team guidato da Angelo Lorenzetti e trainato in campo da Kooy (MVP) e da quel Nimir che per tre anni ha fatto proprio le fortune di Milano. Non c’è stata partita, se non per un inizio speranzoso del primo parziale: la costanza degli avversari e qualche errore di Milano hanno spianato la strada ai padroni di casa che hanno meritatamente vinto la gara, trovando tre punti che permettono a Trento di chiudere il girone d’andata al terzo posto della classifica avulsa per la griglia dei quarti di finale di Coppa Italia e trovare ulteriore slancio per la graduatoria generale che portano i dolomitici sul gradino più basso del podio a quota 33 punti (su 16 gare giocate). Per Milano invece la casella punti non si smuove: rimangono 20 in 14 gare, mentre per quanto concerne i quarti della coppa nazionale la formazione di Piazza dovrà attendere l’esito del confronto tra Monza e Ravenna in programma domani. In caso di successo dei brianzoli per 3-0 o 3-1, Milano chiuderebbe al sesto posto (entrambe le formazioni sarebbero a 16 punti) con Monza avanti per quoziente set. Qualsiasi altro risultato nella sfida con Ravenna, invece, consegnerebbe a Milano la quinta piazza (quarti contro Modena fuori casa) e, di conseguenza, il sesto posto ai brianzoli.

«Con grande onore per questo avversario che ha meritato la vittoria, Milano poteva fare di più – commenta a caldo a fine gara il capitano dell’Allianz Powervolley Matteo Piano –. Non abbiamo saputo vivere la difficoltà che c’è stata oggi. Nei momenti in cui abbiamo avuto qualche difficoltà, come è capitato nel primo set, abbiamo perso le nostre certezze. Dovremo modellare quello che di buono ci teniamo della partita di oggi per cercare di farne nascere qualcosa di positivo, sperando che sia per noi motivo di riscatto. Il punto non è se perdi, ma è il come giochi le partite con avversari difficili. Oggi non l’abbiamo interpretata come sappiamo e per come lavoriamo durante la settimana». Ora pochi giorni di lavoro in palestra per tornare poi all’Allianz Cloud (dopo oltre un mese) per la supersfida che opporrà ai meneghini Civitanova: appuntamento domenica 10 alle ore 19.30 per la settima giornata del girone di ritorno.

CRONACA

Primo set:
Doppio Piano e Milano trova lo 0-2. Maar trova il mani out del 2-4, ma l’ace di Podrascanin porta il punteggio in parità (5-5). Si porta avanti Trento con l’ace di Michieletto su Ishikawa (8-7), ma risponde con la stessa moneta Basic per l’8-9. Primo allungo Trento sull’errore di Ishikawa (11-9), con Nimir che trova la parallela per il 14-11 per i padroni di casa. Out Nimir per il 17-15, con il contrattacco Milano che porta la firma di Basic in pipe (19-17). Allungo Trento dopo un contestato check con l’ace di Lisinac (21-17), con Nimir che sul finale trova l’ace del 23-17 con Podrascanin che chiude per il 25-18.

Secondo set:
Ace di Maar e punto di Ishikawa, ma l’ace di Kooy porta Trento avanti (3-2).  Maar trova la diagonale del 7-6, ma sul 9-6 di Trento Piazza chiama il primo time out. Ace di Lisinac e Trento vola sull’11-6, con il secondo time out di Piazza che arriva dopo l’invasione di Milano (13-7). Kozamernik trova block out in primo tempo (14-9), ma Trento crea il solco (+7) sul muro di Lisinac su Basic (18-11). Maar interrompe la serie di Trento con il punto del 19-12, poi Ishikawa e Sbertoli a muro per il 21-15. L’errore dai 9 metri di Kozamernik consegna a Trento il parziale (25-17).

Terzo set:
Piazza prova la carta Weber in posto 2 dal primo pallone con il primo punto messo a segno da Maar (0-1). Il muro di Kooy su Weber porta Trento avanti (3-2), ma il brasiliano si supera con due super difese per il 3-3 di Maar. Ace di Giannelli su Maar (7-5), mentre sul muro subito da Weber Piazza chiama time out (8-5). Ace di Michieletto ed altro ace di Piazza (12-6). Nimir doppia Milano (16-8), con l’olandese ex Milano che colpisce anche per il 20-12. Doppio ace di Nimir per il 24-14, con il match che si chiude 25-15 sull’errore di Maar dai 9 metri.

TABELLINO

ITAS TRENTINO – ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO: 3-0 (25-18, 25-17, 25-15)

Itas Trentino: Cortesia 1, Michieletto 8, Sperotto 0, Rossini (L), Giannelli 1, Kooy 12, Nimir 13, Podrascanin6, Lisinac 7. N.e.: Argenta, Lucarelli, Sosa, De Angelis (L). All. Angelo Lorenzetti.

Allianz Powervolley Milano: Basic 5, Kozamernik 1, Daldello 0, Sbertoli 1, Maar 14, Weber 3, Piano 3, Mosca 0, Ishikawa 6, Pesaresi (L). N.e.: Staforini, Patry, Meschiari (L). All. Roberto Piazza.

NOTE 

Durata set: 29’, 25’, 22’. Durata totale: 1h e 15’.

Itas Trentino: battute vincenti 11, battute sbagliate 14, muri 7, attacco 56%, 50% (32% perfette) in ricezione.

Allianz Powervolley Milano: battute vincenti 2, battute sbagliate 17, muri 3, attacco 36%, 25% (13% perfette) in ricezione.

Arbitri: Venturi – Goitre. Terzo Arbitro: Pettenello.

Impianto: BLM Group Arena di Trento

MVP: Dick Kooy

Credit Photo: Stefania Marone