Il presidente Fusaro e Riccardo Sbertoli commentano la finale di Challenge Cup

SHARE

Le parole del massimo dirigente e del regista dell’’Allianz Powervolley dopo il 3-2 nella gara d’andata contro lo Ziraat.

IN SINTESI: Grandi emozioni all’Allianz Cloud nella finale d’andata della CEV Challenge Cup. La vittoria in rimonta al tie break dell’Allianz Powervolley Milano contro lo Ziraat Bankasi Ankara pone i meneghini in una situazione di vantaggio, seppur minima, in vista della finale di ritorno di mercoledì 24 in terra turca. A commentare la gara sono le parole del presidente del club Lucio Fusaro: «Questa vittoria è una cosa fantastica: i ragazzi hanno fatto una prova magnifica ed anche tutto lo staff è stato straordinario. Mi è dispiaciuto non poter condividere questa festa con il pubblico di Milano. Settimana decisiva? La speranza è ultima a morire: sicuramente noi ci proviamo sia domenica contro Perugia per i playoff sia in Turchia per la coppa». Dello stesso avviso il regista milanese Riccardo Sbertoli: «Era una partita importantissima per noi, perché la Challenge Cup è uno dei nostri obiettivi. Vogliamo portare a casa questo trofeo ed abbiamo iniziato con il piede giusto, con una vittoria, dimostrando ancora una volta il nostro carattere e facendo un ottimo recupero».

MILANO – Emozioni da finale: il successo palpitante dell’Allianz Powervolley Milano nella gara d’andata dell’atto conclusivo della CEV Challenge Cup ha scatenato molteplici sentimenti nel cuore degli appassionati della squadra meneghina, giunta alla prima finale della storia del club. Chi ha seguito il match da casa tramite SportMediaset e gli addetti ai lavori presenti all’Allianz Cloud hanno vissuto momenti di grandi emozioni per una partita combattuta e giocata ad armi pari sia da Milano sia dallo Ziraat Bankasi Ankara, ultimo ostacolo che separa l’Allianz Powervolley dalla conquista del trofeo.

Il 3-2 in rimonta di Piano e compagni porta in dote una preziosa vittoria ed un vantaggio, seppur minimo, che i ragazzi di coach Piazza porteranno con sé nel match di ritorno, peraltro decisivo, che si disputerà mercoledì 24 marzo in Turchia per l’assegnazione del titolo. Non poteva mancare, a fine gara, il pensiero del presidente Lucio Fusaro che, più di tutti, ha vissuto con partecipazione la finale d’andata: «Questa vittoria è una cosa fantastica, non ci aspettavamo di arrivare fino a questo punto. Invece ci siamo ed abbiamo vinto, anche se adesso ci manca la seconda parte da fare. I ragazzi hanno fatto una prova magnifica ed anche tutto lo staff è stato straordinario. La mia emozione è grande, nel giocare una finale in questo campo dove giocavo io tanti anni fa. Con il pubblico sarebbe stato tutto più bello, soprattutto per i tifosi: i ragazzi hanno fatto la loro parte, mi è dispiaciuto non poter condividere questa festa con il pubblico di Milano che ci ha seguito in questa stagione nonostante le difficoltà come ci seguiva lo scorso anno». Ora per Milano ci saranno sette giorni decisivi: domenica 21 gara 3 a Perugia per la sfida decisiva dei quarti di finale playoff scudetto, solo 3 giorni più tardi la finale di ritorno ad Ankara di coppa. «La speranza è ultima a morire – prosegue il presidente –: sicuramente noi ci proviamo. Sono due partite che dobbiamo giocare fino alla fine: la finale di andata l’abbiamo vinta, domenica c’è la finalissima per noi, che è lo spareggio molto importante con Perugia che abbiamo già messo in difficoltà, poi mercoledì andremo in Turchia. Quindi questa è una settimana decisiva per noi. Se riusciremo a farcela, sono certo che sarà una grande festa per Milano». Dalle emozioni degli spalti del presidente a quelle di chi, in campo, ha vissuto e giocato la finale: Riccardo Sbertoli, milanese doc e regista di questa Allianz Powervolley. «Non ci aspettavamo che fosse facile – analizza il numero 6 di Milano –. All’inizio abbiamo subito un po’ gli avversari, che sono una grande squadra, poi siamo stati bravi a recuperare anche se in questo momento non siamo stati perfetti o belli da vedere. Era una partita importantissima per noi, perché la Challenge Cup è uno dei nostri obiettivi. Vogliamo portare a casa questo trofeo ed abbiamo iniziato con il piede giusto, con una vittoria, dimostrando ancora una volta il nostro carattere e facendo un ottimo recupero. Mercoledì prossimo sarà una partita diversa. Ci aspettiamo la loro stessa aggressività messa in campo nella gara di andata: noi cercheremo di prepararci al meglio e vedremo cosa succederà nella finale di ritorno».

VIDEO INTERVISTA PRESIDENTE FUSARO:

VIDEO INTERVISTA RICCARDO SBERTOLI: