Sbertoli: “Abbiamo molto da dire e da crescere”

SHARE

Il regista dell’Allianz Powervolley dopo la sconfitta con Trento: “Abbiamo fatto un passo indietro”

IN SINTESI: Inizio di 2021 in salita per l’Allianz Powervolley. Gennaio ricco di impegni per Milano che, dopo le sconfitte con Verona e Trento, si prepara alla sfida di domenica 10 in casa contro Civitanova. Le riflessioni dopo la sfida in Trentino però non sono finite e sono affidate alle lucide parole di Riccardo Sbertoli: «Il divario emerso durante il match ha rispecchiato la differenza che c’è attualmente tra le nostre due squadre. Non abbiamo giocato con tranquillità e ci siamo fatti sopraffare nei momenti in cui sarebbe stato meglio essere più sereni. Volevamo fare un passo in avanti dopo la sconfitta di Verona invece probabilmente ne abbiamo fatto uno indietro. Sarà importante reggere bene mentalmente ed essere sempre positivi. Penso che questa squadra abbia molto da dire e molto da crescere, quindi questo mi fa ben sperare».

MILANO – E’ un inizio di 2021 particolare per l’Allianz Powervolley che, dopo essere tornata in campo dopo 30 giorni di inattività per Covid, è alla ricerca della miglior forma e del ritmo gara ottimale. Due partite in pochi giorni (il 3 ed il 6) hanno aperto un gennaio di fuoco per Milano (7 gare in 24 giorni) e la componente fisica è certamente, in queste situazioni, un fattore determinante per avere lucidità e freschezza nelle gambe durante le partite.

La netta sconfitta di Trento, avversario in serie positiva da 11 partite ed uno dei roster qualitativamente più forti di tutta la Superlega, non rappresenta in sé un dramma, ma ciò che è mancato è stato l’atteggiamento battagliero cui Piano e compagni hanno sempre abituato gli addetti ai lavori ed il pubblico del volley. «Il divario emerso durante il match ha rispecchiato la differenza che c’è attualmente tra le nostre due squadre – commenta lucidamente Riccardo Sbertoli –. Sapevamo che era una partita difficile, ma non siamo a riusciti a giocarla come volevamo sia per meriti di Trento, che riconosco, sia perché noi non abbiamo giocato con tranquillità e ci siamo fatti sopraffare nei momenti in cui sarebbe stato meglio essere più sereni.  Loro hanno fatto delle giocate straordinarie ed è normale perché hanno nel roster dei giocatori fortissimi: forse ci siamo fatti condizionare troppo da certe situazioni e siamo rimasti dentro tutta la partita». Il campionato però incombe di nuovo e domenica ci sarà una nuova montagna da scalare per Milano: all’Allianz Cloud arriva Civitanova per un altro big match. «Sarà un periodo difficilissimo per noi con tante partite dopo un mese senza allenamenti – prosegue il numero 6 milanese –. Dovremo essere bravi a crescere partita dopo partita. Volevamo fare un passo in avanti dopo la sconfitta di Verona invece probabilmente ne abbiamo fatto uno indietro. Sarà importante reggere bene mentalmente ed essere sempre positivi. Io sono positivo per il futuro: penso che questa squadra abbia molto da dire e molto da crescere, quindi questo mi fa ben sperare. Siamo consapevoli che avremo pochi allenamenti, dovremo essere doppiamente bravi in campo e fare molto meglio per darci una mano e ritornare su come squadra». Parole chiare e nette da leader per il classe 1998 dell’Allianz Powervolley che conclude così la sua riflessione: «Dobbiamo stare il più uniti possibile, cercando di sfruttare al meglio i pochi allenamenti che abbiamo. Se qualche certezza ce la può togliere una partita persa, queste le dobbiamo ritrovare in allenamento, anche se saranno pochi, e nelle altre partite. Dovremo essere molto solidi mentalmente perché in una situazione del genere se ci si lascia andare mentalmente si rischia veramente di far fatica a venirne fuori, ma sono sicuro che non faremo così».

VIDEO INTERVISTA SBERTOLI: