La bestia nera Verona si prende i tre punti, la Revivre cade 3-1.

SHARE

11a Giornata Ritorno Regular Season SuperLega UnipolSai
La bestia nera Verona si prende i tre punti, la Revivre cade 3-1.
Torna in campo Nimir Abdel-Aziz
Domenica di nuovo in trasferta contro Castellana Grotte

 

IL TABELLINO
CALZEDONIA VERONA – REVIVRE MILANO 3-1 (25-17, 20-25, 25-21, 25-20)
Durata set: 23’, 25’, 28’, 24’. Tot: 1 ora, 40 minuti
CALZEDONIA VERONA: Pajenk 13, Paolucci n.e., Stern 15, Marretta, Birarelli 6, Maar n.e., Frigo (L) n.e., Grozdanov n.e., Djuric n.e. Spirito 3, Manavinezhad 18, Jaeschke 23, Pesaresi (L). All. Grbic
REVIVRE MILANO: Abdel Aziz 9, Piccinelli (L), Klinkenberg 16, Sbertoli 1, Tondo 2, Schott1 , Perez n.e., Piano 6, Galassi 1, Averill 6, Preti, Fanuli (L), Cebulj 18. All. Giani
NOTE: CALZEDONIA VERONA: 12 muri, 6 ace, 17 errori in battuta, 54% in attacco, 34% (15% perfette) in ricezione. REVIVRE MILANO: 7 muri, 2 ace, 13 errori in battuta, 47% in attacco, 35% (17% perfette) in ricezione.
 

Non c’è veramente nulla da fare: Verona si conferma per la terza volta in questa stagione (la 9a in assoluto) la bestia nera della Revivre Milano. Nella gara di ritorno dell’11a giornata di Regular Season i veneti si impongono 3-1 sulla squadra di Andrea Giani e mettono una serie ipoteca sul quinto posto in classifica. Il risultato senza punti di questa sera e il contemporaneo successo di Piacenza al tie break a Monza, fanno scalare di una posizione la Revivre che a pari punti con gli emiliani paga il minor numero di vittorie.
Contro Verona alla Revivre Milano è mancata la “birra”, la giusta dose di energia fisica e mentale per affrontare una formazione che invece è scesa in campo determinata ad ottenere il risultato. Merito alla squadra di Nikola Grbic che ha trovato in Manavinezhad (18) e Jaeschke (23) i due trascinatori principali, oltre al centro sloveno Pajenk che quando vede la maglia Revivre sfodera le sue prestazioni migliori.
Per la Revivre la nota lieta della serata è il rientro in campo di Nimir Abdel-Aziz, inserito nel sestetto base da coach Giani ed importante nella vittoria del secondo set. Ma l’olandese non ha ancora nelle gambe una gara intera e dal terzo set ha lasciato spazio prima a Tondo poi a Klemen Cebulj, questa sera miglior realizzatore di Milano con 18 punti seguito da un ottimo Kevin Klinkenberg.
Domenica si torna in campo: trasferta a Bari per la Revivre che affronterà alle 18 la BCC Castellana Grotte.

LA PARTITA

LE FORMAZIONI
Calzedonia Verona:
Spirito-Stern, Pajenk-Birarelli, Jaeschke-Manavi, Pesaresi (L).
Revivre Milano: Sbertoli-Abdel-Aziz, Piano-Averill, Klinkenberg-Cebulj, Fanuli (L).

1° SET
Partenza bruciante della Calzedonia grazie al servizio di Pajenk he con 2 ace porta al +6 (9-3). Il parziale è pressoché un monologo dei padroni di casa che mettono molta pressione al servizio e lavorano molto bene in fase difensiva con Pesaresi (17-9). Il contrattacco di Nimir sul 21-14 non basta a dare la scossa, Verona chiude con Stern 25-17.
STATISTICHE 1° SET:
Best scorer: VERONA:Pajenk 7, Jaeschke 6 Manavi 6. MILANO: Cebulj 7.
Muri: VERONA: 4. MILANO: 2.
Battute (Ace/Errori): VERONA: 3/3. MILANO: 0/2.
Attacco: VERONA: 64%. MILANO: 50%.
Ricezione (Positiva(Perfetta)). VERONA: 31%(19%). MILANO: 41%(18%).

2° SET.
Decisamente di un piglio diverso l’avvio di Milano con Klinkenberg scatenato in attacco (1-3). Manavi sfrutta a rete una palla lunga di Cebulj in ricezione (9-10) ma Nimir riporta a +3 Milano approfittando di una imprecisione di Spirito (10-13). Parallela out di Abdel-Aziz (14-15, tempo Giani) ma al cambio palla Sbertoli trova il turno al servizio che scava il gap decisivo (15-19 con un ace del palleggiatore meneghino). Jaeschke riavvicina in battuta (18-21), ma la Revivre gestisce il vantaggio e chiude con la Pipe di Cebulj (20-25).
STATISTICHE 2° SET:
Best scorer: VERONA: Jaeschke 5, Stern 4, Pajenk 4. MILANO: Abdel-Aziz 6. Cebulj 4.
Muri: VERONA: 0. MILANO: 0.
Battute (Ace/Errori): VERONA: 1/4. MILANO: 2/5.
Attacco: VERONA: 53%. MILANO: 50%.
Ricezione (Positiva(Perfetta)). VERONA: 32%(0%). MILANO: 41%(18%).

3° SET.
Tornano le imprecisioni in ricezione e Verona ne approfitta lavorando bene a muro e in difesa (6-2, tempo Giani). Altro stoppata della Calzedonia, Manavi non sbaglia (7-2). Dentro Tondo per Nimir (8-4). La Revivre si riavvicina con Klinkenberg in contrattacco (9-7) e con il muro di Averill su Manavi (9-8, tempo Grbic). Altro muro meneghino con Klinkenberg che ferma Stern (10-10), ma un’altra imprecisione in ricezione costa il nuovo +2 (14-12) e dopo il +3 (15-12). Ancora una ricezione lunga di Milano, ancora un break point chiuso da Verona con Birarelli. Jaeschke ferma in solitaria Tondo (21-15), Milano con i muri di Averill e gli attacchi di Klinkenberg prova il recupero (22-19) ma è troppo tardi (25-21, attacco out di Piano).
STATISTICHE 3° SET:
Best scorer: VERONA: Stern 7, Manavi 6. MILANO: Klinkenberg 6, Cebulj 5.
Muri: VERONA: 4. MILANO: 3.
Battute (Ace/Errori): VERONA: 0/4. MILANO: 0/5.
Attacco: VERONA: 50%. MILANO: 44%.
Ricezione (Positiva(Perfetta)). VERONA: 47%(29%). MILANO: 45%(35%).

4° SET.
Rivoluziona la squadra Giani spostando Cebulj da opposto e inserendo Galassi e Schott per Averill e Tondo. Milano prova subito l’allungo (0-2) ma Verona continua a difendere bene e sorpassa dopo l’out di Cebulj (6-5). Azione lunga che premia ancora Verona (8-6) con Milano in serata no in fase difensiva. Cebulj manda ancora fuori la diagonale e Giani è costretto al time out (11-8). Due errori consecutivi in ricezione di Milano sulla battuta poco insidiosa di Spirito (13-8), poi ace di Jaeschke (15-9, dentro Preti per Schott). Il muro su Klinkenberg regala il rassicurante +7 a Verona (20-13) che vola a conquistare il successo finale (25-20).

STATISTICHE 4° SET:
Best scorer: VERONA: Jaeschke 9, Manavi 5. MILANO: Klinkenberg 4, Piano 3.
Muri: VERONA: 4. MILANO: 2.
Battute (Ace/Errori): VERONA: 2/6. MILANO: 0/1.
Attacco: VERONA: 54%. MILANO: 41%.
Ricezione (Positiva(Perfetta)). VERONA: 26%(16%). MILANO: 21%(11%).