La Lube passa al PalaYamamay (1-3), ma la Revivre c’è

SHARE

3a Giornata Andata Regular Season SuperLega UnipolSai
Al PalaYamamay passa la Lube (1-3) ma che bella Revivre.
Non bastano i 27 punti di Nimir Abdel-Aziz e le prove di Galassi e Piccinelli per strappare il successi ai tricolori

 

IL TABELLINO
REVIVRE MILANO – CUCINE LUBE CIVITANOVA 1-3 (24-26, 22-2, 26-24, 22-25
Durata set: 28’, 31’, 28’, 32’. Tot: 1 ora e 59 minuti
REVIVRE MILANO: Abdel Aziz 27, Piccinelli (L), Klinkenberg 2, Daldello n.e., Sbertoli 1, Tondo n.e., Schott 5, Piano 3, Galassi 9, Averill 3, Fanuli (L), Preti. All. Giani
CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 18, Candellaro 4, Sander 7, Marchisio (L), Juantorena 18, Casadei n.e., Stankovic 5, Kovar 6, Grebennikov (L), Christenson 4, Cester 12, Milan n.e., Zhukouski n.e.. All. Medei
NOTE: REVIVRE MILANO: 13 muri, 3 ace, 20 errori in battuta, 52% in attacco, 41% (22% perfette) in ricezione. CUCINE LUBE CIVITANOVA: 7 muri, 10 ace, 21 errori in battuta, 55% in attacco, 55% (28% perfette) in ricezione.

La Cucine Lube Civitanova strappa i tre punti al PalaYamamay e costringe la Revivre Milano al primo stop stagionale. La gara a Busto Arsizio è stata divertente, ricca di emozioni e grandi giocate da entrambe le parti: un match deciso dalla qualità del gruppo di Giampaolo Medei con Christenson (MVP) in serata divina a dispensare palloni alle proprie bocche di fuoco. 18 punti per Sokolov ( 53% in attacco) e altrettanti per Juantorena (58%), 12 per Cester (3 muri anche per il centrale Italiano), sono i principali terminali offensivi dei Campioni d’Italia che stasera hanno dovuto dare il massimo per battere la squadra di Giani. Revivre che era partita bene nel primo set, addirittura avanti di 5 lunghezze (16-11), ma alcune imprecisioni sono costate care nel finale. Secondo parziale a favore dei tricolori, poi Giani cambia tre pedine inserendo Galassi, Piccinelli e Klinkenberg: i tre nuovi entrati, insieme ai colpi di Nimir Abdel Aziz (27 punti anche questa sera) e Cebulj (16 all’esordio stagionale), danno una marcia in più alla formazione meneghina (Galassi 9 punti ed il 71% in attacco e 4 muri, Piccinelli ottimo in ricezione e difesa), allungando il match al quarto parziale. Qui è una decisione arbitrale molto contestata a far pendere l’ago della bilancia a favore dei marchigiani che vincono, meritatamente, il match.

MVP: Micah Christenson (Revivre Milano)

LA PARTITA

LE FORMAZIONI
Revivre Milano:
Sbertoli-Abdel-Aziz, Piano-Averill, Schott-Cebulj, Fanuli (L).
Cucine Lube Civitanova: Christenson-Sokolov, Candellaro-Stankovic, Juantorena-Sander, Grebennikov (L).

1° SET
Muro di Averill su Sokolov (8-7) difesa di Sbertoli e rigiocata punto di Cebulj (9-7), muro di Nimir su Kovar: è la sequenza del primo break della partita firmato dalla Revivre (tempo Lube). Altro block di Nimir (11-7), ace di Schott (12-7) ela Revivre vola sul +5. Juantorena accorcia in rigiocata (14-11), Piano ristabilisce il +5 sfruttando la battuta di Cebulj (16-11). Ace di Christenson (16-13), muro a tre su Cebulj (19-17) e Giani ferma il gioco. La Lube rosicchia ancora un punto sfruttando l’out di Cebulj (21-20) e poi pareggia con l’ace di Cester (21-21). Civitanova torna a condurre (22-23), Nimir annulla la prima palla set e si va ai vantaggi (24-24). Candellaro chiude con un servizio insidioso che mette in difficoltà di la ricezione di Fanuli (24-26).

2° SET.
Parte subito forte la Lube con la battuta di Juantorena (0-2, subito tempo per Giani). I marchigiani continuano a mantenere i due punti di vantaggio (cambio liberi per Milano, dentro Piccinelli per Fanuli), poi strappa sfruttando l’out di Schott (13-17, dentro Galassi per Piano). Ace sporco di Sbertoli, e la Revivre prova a recuperare (16-18, tempo Medei). Due azioni spettacolari chiuse da Kovar regalano il nuovo +4 Lube (17-21). Ace di Sokolon imprendibile (17-23), Galassi annulla la seconda palla set murando Juantorena (21-24), replica su Sokolov (22-24) ma la battuta sbagliata di Cebulj condanna la Revivre (22-25).

3° SET.
Giani sceglie Piccinelli, Galassi e Klinkenberg per Fanuli, Averill e Schott. E’ sempre la Lube a condurre le redini del gioco con i muri di Cester e le giocate di Sokolov (8-12, tempo Giani). Due imprecisione marchigiane fanno bene alla Revivre (13-14), ma in un attimo la Lube si porta di nuovo a +5 con l’ace di Juantorena (13-18). Un primo tempo in rigiocata di Galassi e poi un muro si Sokolov mantengono viva Milano (16-18). Medei cotretto al time out dopo il block di Cebulj su Sokolov (19-20). Pareggio di Milano con Piano che ferma Cester (20-20, dentro Sander per Kovar). Finale da brividi: Galassi prima annulla la prima palla set in attacco (24-24), poi ferma la pipe di Juantorena (25-24, tempo Medei). Gran difesa di Piccinelli, contrattacco di Klinkenberg e la Revivre chiude a proprio favore il set (24-26)

4° SET.
Giani conferma il sestetto del terzo set, Medei sceglie Sander per Kovar. Due bombe dai nove mentri di Nimir infiammano il PalaYamamay (6-4). Civitanova difende con Grebennikov e contrattacca con Sokolov (pareggio, 8-8) che poi ferma Nimir a muro (9-10). Revivre ancora in fuga con un gran muro di Cebulj su Sokolov e l’out di Cester (12-10, tempo Medei). Piano stoppa Juantorena, Nimir non perdona in contrattacco (16-13), Piccinelli è una sicurezza in ricezione e difesa (18-15). Break point della Lube con Sander (18-17) che poi pareggia con un muro, scontato, su Nimir (18-18). Galassi interrompe il break di Civitanova (19-18), ma Sokolov punisce dai nove metri (19-20). Per la seconda volta nel il primo arbitro cambia decisione a sfavore di Milano, penalizzando la Revivre e favorendo la Lube (20-22). La Lube tiene il cambiopalla e chiude con Sokolov.