PIÙ DI DUE ORE DI GIOCO AL PALAYAMAMAY: VIBO VALENTIA BATTE MILANO AL TIE BREAK.

SHARE

4a Giornata SuperLega UnipolSai
Più di due ore di gioco al PalaYamamay: Vibo Valentia batte Milano al tie break.
 

Revivre MILANO – Tonno Callipo Calabria VIBO VALENTIA 2-3 (25-18, 23-25, 23-25, 26-24, 11-15)
Revivre MILANO: Cortina (L), Hoag 14, Galaverna n.e., Sbertoli 5, Tondo 4, Nielsen 7, Rudi (L) n.e., De Togni 11, Galassi 5, Dennis 10, Bonfinfante 1, Starovic 26, Marretta. All. Monti

Tonno Callipo Calabria VIBO VALENTIA: Costa n.e., Coscione 2, Marra (L), Geiler 16, Buzzelli n.e., Torchia (L), Michalovic, Barreto Silva 14, Barone 14, Alves Soraes, Maccarone n.e., Diamantini 7, Ferrar n.e., Rejlek 29. All. Kantor
NOTE: REVIVRE MILANO: 12 muri, 8 ace, 16 errori in battuta, 46% in attacco, 45% (26% perfette) in ricezione. TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: 10 muri, 10 ace, 13 errori in battuta, 43% in attacco, 33% (16% perfette) in ricezione.

Partita infinita tra Revivre Milano e Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia al PalaYamamay di Busto Arsizio, primo scontro diretto tra queste due formazioni. Dopo 2 ore e 14 minuti di partita è la formazione calabrese ad aggiudicarsi la vittoria strappando il successo ai padroni di casa 11-15 al quinto set. Per la Tonno Callipo Calabria si tratta del primo successo stagionale dopo una partenza difficile in SuperLega UnipolSai mentre per la Revivre Milano è il terzo stop consecutivo dopo quelli con Modena e Monza. La classifica si muove per entrambe le formazioni, con la Revivre che sale a 4 punti mentre Vibo Valentia ottiene i primi due punti stagionali. Milano parte molto bene nel primo set vinto agilmente 25-18. Poi la partita si trasforma e diventa più equilibrata: secondo e terzo set Vibo riesce a mettere la zampata vincente alla prima occasione mentre nel quarto non riesce a sfruttare la palla match sul 23-24. Arriva il pari della Revivre, ma al quinto set, dove si infortunia alla spalla Riccardo Sbertoli in in contrasto a rete, sono i calabresi ad avere più energie per aggiudicarsi il match.

MVP: Filip Rejlek (Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia).

Federico Marretta (Revivre Milano): “L’assenza di Skrimo ci ha un p0’ scombussolati, sia per lui come giocatore sia per gli schemi che avevamo preparato fino a questo momento. Il turno infrasettimanale non ci ha di certo aiutati, continuando a faticare soprattutto in ricezione come a Monza. C’è rammarico per non essere riusciti ad ottenere la vittoria questa sera. Dobbiamo trasformare questa situazione in voglia di lavorare: continuiamo a dare tutto in allenamento cercando di migliorare già dalla prossima gara”.

Rocco Barone (Tonno callipo Calabria Vibo Valentia). “Speriamo che questa vittoria sia la scintilla giusta per ripartire in campionato. L’inizio non è stato semplice: era importante sbloccarsi e portare a casa dei punti. Vincere aiuta a vincere. Oggi ho visto una squadra più decisa e convinta dei propri mezzi, quello che ci è mancato ad esempio con Molfetta domenica. E’ stata una bella partita questa sera, onore a Milano ma bravi noi”.

IL MATCH:

 

1° SET. Primo set in cui Milano prende immediatamente le redini della situazione. L’ottima correlazione muro-difesa e la pressione in battuta costringono Vibo Valentia a qualche errore di troppo (quello di Diamantini vale il 13-8 per la Revivre). Il Muro di Galassi ed il mani out di Starovic mandano la Revivre sul 21-14 ed è un altro muro, il quarto milanese, su Geiler a regalare la prima gioia del match a Milano (25-18).
 
2° SET. Partenza nettamente più equilibrata, con le due formazioni che non si schiodano dal punto a punto fino a metà parziale. L’ace di Rejlek regala il primo strappo a Vibo Valentia (18-20). L’out di Galassi, confermato dal Video Check, permette a Vibo di allungare a +3 (19-22), ma Milano non molla e recupera fino al 23-23 grazie a due mani out di Starovic. Vibo però guadagna la prima palla set e la sfrutta subito con l’ace di Coscione (23-25).

3° SET. Vibo a preso fiducia e vola immediatamente ad inizio set (7-10). Monti prova la carta Rasmus Breuning per Dennis ed il giovane Danese ripaga subito la fiducia contrattaccando due palloni che valgono il sorpasso (12-11). Ma quando al servizio per Vibo va Geiler, il francese mette pressione alla ricezione avversaria (3 ace) e spedisce Vibo Valentia sul +7 (13-20). Riccardo Sbertoli fa la stessa cosa per Milano: dai nove metri tira una palla dietro l’altra favorendo anche il proprio muro e contrattacco (21-22). Milano ha la palla del pareggio ma Hoag manda fuori (21-23). Sempre alla prima palla set Vibo chiude e passa in vantaggio (23-25).

4° SET. Si parte fotocopia dei due parziali precedenti. Forte equilibro all’inizio e poi da metà set. In campo c’è ancora Rasmus Breuning per Dennis ed il giovane danese si distingue per delle ottime giocate. In campo anche Tondo da metà set che ferma Rejlek per il vantaggio milanese (19-18). L’out di Hoag spaventa il pubblico di casa (21-22), Vibo ha la palla del match ma Barreto Silva manda out (24-24). Due muri perentori di De Togni e Starovic su Rejlek rimanda il verdetto al tie break (26-24).

5° SET. Il parziale di 3-1 di Milano non impensierisce la Tonno Callipo Calabria e soprattutto Rocco Barone devastante a muro (4 di fila, 4-9). Milano tenta il recupero con Starovic in battuta (8-9), ma un contrasto a rete vinto da Vibo Valentia, in cui provoca un infortunio alla spalla a Sbertoli, da il via al rush finale dei calabresi che espugnano il PalaYamamay (11-15).

 

Gabriele Pirruccio

Ufficio Stampa

Powervolley Revivre Milano

Cell. 349 2375428

ONE TEAM ONE CITY ONE DREAM

CAMPAGNA ABBONAMENTI 23/24