Milano fatica ma non perdona: Modena battuta 3-1

L’Allianz Powervolley si aggiudica l’anticipo del terzo turno dei playoff 5° posto

IN SINTESI: Tre su tre per l’Allianz Powervolley Milano. Tre come le vittorie nei playoff 5° posto. Tre come i successi in stagione dei meneghini sui modenesi. Milano batte infatti Modena per 3-1 nell’anticipo del terzo turno della pool che assegna un posto in Challenge Cup del prossimo anno. La squadra di Piazza fa suo il match grazie all’ottimo contributo del duo Maar-Patry (35 punti in due): il canadese piazza il muro vincente finale, mentre Patry vince il premio di MVP. Il primo acuto da tre punti porta Milano a quota 7 in classifica, temporaneamente al primo posto, in attesa dei match della domenica. A commentare il successo sono le parole di Kozamernik: «Sono molto contento della partita, anche se nel terzo set abbiamo avuto un po’ di difficoltà verso la fine, dove è calata la nostra attenzione. Siamo poi riusciti a rimanere concentrati e portare a casa il quarto set. Sono i primi tre punti per noi in questi playoff per il 5° posto: andiamo avanti e faremo del nostro meglio per vincerle tutte».

MODENA – Terzo successo consecutivo per l’Allianz Powervolley. La squadra di coach Piazza batte in trasferta Modena con il punteggio di 3-1 (22-25, 20-25, 27-25, 24-26) nell’anticipo del terzo turno dei playoff 5° posto. Per Milano arriva così il primo acuto da 3 punti nel torneo che assegna un posto in Europa in CEV Challenge Cup per il prossimo anno dopo i tie break vincenti contro Padova e Cisterna.

Salgono a quota 7 punti in classifica Piano e compagni che trovano l’en plein in stagione contro Modena. Tre partite ed altrettante vittorie sui gialloblu per l’Allianz Powervolley: dopo le due in regular season, arriva un’altra gioia per i meneghini. Il match si chiude in 4 set in 2 ore di gioco, con Milano che si porta a casa l’intera posta in palio e si prende temporaneamente la testa della graduatoria della pool. Guidata da una buona prova di Sbertoli in regia, la squadra di Piazza trova conferme nel duo Patry-Maar (35 punti in due) e sempre più interessanti soluzioni nella coppia di centrali che portano in dote punti (11 per Kozamernik e Piano) e muri (9 sui 16 complessivi). Match intenso, con Milano che si lascia sfuggire nel terzo set la possibilità di vincere 3-0 (da 18-22 a 27-25), con la squadra che poi ha saputo ritrovarsi nel quarto (24-26).Si chiude così nel migliore dei modi la settimana di Pasqua per Milano che trova nell’uovo, scartato con un giorno di anticipo, un successo pieno che consentirà alla squadra di godere di un paio di giorni di meritato riposo prima di proiettarsi alle nuove sfide delle prossime settimane per conquistare il pass europeo.

È il commento post gara di Kozamernik a riassumere il match: «Sono molto contento della partita, anche se nel terzo set abbiamo avuto un po’ di difficoltà verso la fine, dove è calata la nostra attenzione e poi non siamo riusciti a chiuderlo quando dovevamo. Sono molto contento invece di come siamo riusciti a rimanere concentrati dopo e portare a casa il quarto set. Sono i primi tre punti per noi in questi playoff per il 5° posto: andiamo avanti così per vincere ancora di più. Adesso abbiamo un po’ di tempo per staccare la testa e secondo me è quello che ci serve anche per godersi le feste con le proprie famiglie. Poi torneremo in palestra a lavorare per le ultime quattro gare e concludere questo girone. Faremo del nostro meglio per vincerle tutte».

CRONACA

Primo set:
Proseguono le rotazioni di coach Piazza che, pur mantenendo l’assetto standard, si presenta con Basic e Maar in posto 4, Piano e Kozamernik al centro, Sberoli-Patry in diagonale di posto 2 e Pesaresi libero. Primo allungo del set per Modena: prima Rinaldi e poi Bucheggher portano i padroni di casa sul 6-3 (con time out chiamato da coach Piazza). Accorcia subito Milano sfruttando l’invasione a rete di Modena (6-5), ma Sanguinetti riporta sul +3 i gialloblu (9-6). Ancora Modena con lo smash di Petric (11-7), poi è il muro vincente di Maar a rendere meno ampio il divario (12-9). Mani out di Patry (14-11), con il muro di Kozamernik che sigla il 15-13. E’ out la pipe di Maar per il break point Modena (17-13), con il canadese che si fa perdonare chiudendo una belal diagonale per il 18-15. Ancora Maar che trova un prezioso block out (18-16), seguito da Sbertoli che, improvvisandosi attaccante, chiude il contrattacco per il 19-18. Milano trova il pari (20-20) sull’invasione di Modena, con l’ace di Maar per il sorpasso (20-21). Ancora un ace per il canadese (20-22), con il muro di Basic che segna il 22-25 finale.

Secondo set:
Ace di Patry in avvio (2-3), poi è Maar a volare in pipe per il 4-5. Break Milano chiuso da Patry dopo uno scambio ricco di difese e rigiocate (5-7), ma Modena impatta subito sul 7 pari con Petric dopo la ricezione slash di Maar sul servizio di Porro. Patry non sbaglia da posto 2 (9-9). Monster block di Kozamernik su Sanguinetti (13-14), con il mani out di Basic che concretizza una bella difesa di Pesaresi (14-15). Out l’attacco di Maar per il vantaggio modenese (18-17), poi è Sbertoli a trovare il pari immediato (18 pari). Piano a muro chiude la strada a Rinaldi (18-19), con Basic a trovare la diagonale vincente del 20-21. Ace di Sbertoli per il +2 meneghino (20-22), con il muro di Kozamernik che vale il 20-23. Altro muro Milano, questa volta con Patry (20-24), seguito anche da Kozamernik che chiude per il 20-25.

Terzo set:
+2 Milano sul fallo di doppia fischiato a Christenson (5-7), poi muro vincente di Kozamernik su Petric in pipe per il 6-9. Ancora un muro per Milano, questa volta con Piano, che vale il 7-11 (time out Giani). Maar attacca in diagonale (9-13). Christenson illumina per Buchegger (12-15), con il break di Petric per il 14-16. Ritorna sul +4 Milano con la doppia di Grebbenikov (14-18), con il muro accompagnato dal nastro di Maar per il 15-19. Out l’attacco di Buchegger che porta Milano sul 16-21, ma Modena si risveglia subito e trova l’ace dai 9 metri con Petric (18-21). Si iscrive all’elenco degli attacchi vincenti anche Urnaut (entrato per il doppio cambio con Daldello): lo sloveno mette a segno il 18-22. Accorcia ancora Modena con Rinaldi (22-23), che con Petric trova il 24 pari. Bossi porta avanti Modena (25-24), che con Petric chiude 27-25.

Quarto set:
Parte bene Milano con Patry ed il muro di Maar (0-2), ma Modena si riporta subito avanti con Stankovic (4-3). Super ace di Patry per il 5-6, ma Modena risponde con la stessa moneta con Petric su Maar (7-6). Milano è in stand by, ne approfitta Bossi che piazza sotto rete il colpo del 9-7, con Piazza costretto a chiamare time out. Patry per il mani out del 9-8, con il vantaggio meneghino che arriva con il break point di Basic (10-11). Ancora Basic in diagonale e poi Maar in pipe siglano il 10-13, mentre il muro di Patry su Petric porta in dote l’11-15. Appoggio delicato di Maar in posto 4 per il 14-18, con Piano vincente in primo tempo (15-19). Modena trova la parità sfruttando il turno a servizio di Christenson (19-19), con le due squadre a lottare punto a punto (21-21). Ace di Bossi (22-21), con il muro vincente di Piano a riportare avanti Milano (22-23). Maar sfonda per il 24-25, poi il canadese sigla il muro del 24-26.

TABELLINO

LEO SHOES MODENA – ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO: 1-3 (22-25, 20-25, 27-25, 24-26)

Leo Shoes Modena: Rinaldi 12, Petric 18, Porro 0, Sanguinetti 3, Stankovic 3, Grebbenikov (L), Christenson 2, Karlitzek 1, Bossi 7, Buchegger 15, Gollini 0. N.e.: Estrada Mazorra, Vettori, Mazzone (L). All. Andrea Giani.

Allianz Powervolley Milano: Basic 9, Kozamernik 11, Daldello 0, Sbertoli 3, Maar 20, Patry 15, Piano 11, Ishikawa 0, Urnaut 1, Pesaresi (L). N.e.: Staforini (L), Weber, Meschiari, Mosca. All. Roberto Piazza.

NOTE 

Durata set: 29’, 26’, 34’, 31. Durata totale: 2 h.

Leo Shoes Modena: battute vincenti 4, battute sbagliate 22, muri 5, attacco 51%, 53% (24% perfette) in ricezione.

Allianz Powervolley Milano: battute vincenti 5, battute sbagliate 21, muri 16, attacco 48%, 43% (22% perfette) in ricezione.

Arbitri: Zavater – Rolla. Terzo Arbitro: Bolici.

Impianto: PalaPanini di Modena

MVP: Patry

Credit photo: Enrico Zanetti

Share