Milano torna a sorridere: battuta 3-1 Castellana Grotte con Hirsch sugli scudi

Trascinata dal nuovo acquisto tedesco, MVP del match, con 25 punti, arriva la vittoria dopo due sconfitte consecutive.

BUSTO ARSIZIO – Potrà tremare, scivolare o inciampare, ma la Revivre Axopower Milano di Andrea Giani di certo non cadrà mai: Milano torna a sorridere e a vincere e lo fa con una prestazione di spessore contro Castellana Grotte nella quinta giornata di Superlega. Trascinati da un ispiratissimo Hirsch, la formazione milanese si impone in quattro set con i parziali 25-19, 25-17, 21-25 e 25-19.

Non era facile ripartire per la Powervolley Milano dopo la sconfitta di giovedì scorso rimediata contro Modena. Un 3-0 senza appello che avrebbe steso molte squadre come un pugile all’ultimo colpo del ko. Ed invece Giani ha saputo tirare fuori l’orgoglio ed il carattere dei suoi ragazzi che, nell’impianto del PalaYamamay di Busto Arsizio, hanno subito fatto capire con che spirito avrebbero giocato il match. Milano ha, per alcuni tratti, sovrastato l’avversario, approfittando degli errori dei pugliesi ma riuscendo a mettere il proprio opposto, il tedesco Hirsch (MVP della gara), nelle condizioni di poter armare il suo braccio caldo. A fine match, per l’ultimo arrivato in casa Revivre Axopower, saranno 25 punti con il 48% in attacco, ma soprattutto con 3 muri punti e ben 6 ace. È stata una Milano che ha saputo erigere il proprio muro (10 i punti finali nel fondamentale) con il tedesco coadiuvato da Kozamernik e Piano (che supera i 500 muri in carriera), che ha saputo certamente soffrire come accaduto nel terzo set, vinto dagli ospiti, ma che si è prontamente rialzata nel quarto e decisivo parziale. Ci sarà ancora qualcosa da limare come è logico che sia, ma questa Milano che il pubblico ha potuto apprezzare nel secondo set, assolutamente dominato, promette scintille.

La sconfitta di Modena è servita per risvegliare l’orgoglio di una squadra che continuerà a crescere, tentando di portare a casa punti importanti per la classifica, a partire dalla prossima sfida di mercoledì contro Sora. «Proveremo a fare bottino pieno anche contro Sora mercoledì – commenta Riccardo Sbertoli -. Oggi però ci godiamo questi tre punti per i quali siamo felicissimi. Dopo Modena abbiamo capito che l’unico modo per uscire da quel momento era farlo da squadra, sapendo che come collettivo avremmo potuto esaltare i singoli». E così è stato per una Milano che riparte dai 7 punti in classifica e da un sorriso, quello di squadra a fine partita, che ridona serenità ed entusiasmo a tutto l’ambiente.

 

LA PARTITA

Primo set:

Milano tenta il primo allungo con un break di 4 punti con il contrattacco di Piano e l’invasione avversaria ed ancora il punto del capitano (5-1) con Tofoli a giocarsi il primo time out. La diagonale di Zanatta Buiatti e l’attacco out di Hirsch portano i pugliesi a -1 (6-5), poi due punti consecutivi dell’opposto tedesco riportano Milano avanti (8-5). Non ci sta Castellana che si rifà sotto di nuovo con il gigante brasiliano (8-7), ma l’invasione di seconda linea dell’iraniano Mirzajanpourmouziraji riporta i padroni di casa a +4 (11-7). Zingel attacca out in primo tempo e Tofoli richiama per la seconda volta i suoi in panchina (12-7). Sul 15-11 doppio cambio per Giani con Nimir e Izzo per Hirsch e Sbertoli. La rincorsa di Castellana non si arresta e Giani spende il primo time out (16-14). Nimir ritrova confidenza con il campo e mette a terra il suo primo punto del match per il 17-14, con Clevenot a mantenere invariata le distanze con la diagonale da posto 2 del 19-16. La Revivre Axopower allunga sul 21-17 con l’attacco out di Zanatta Buiatti, che diventa 24-18 con il doppio ace di Hirsch. È lo stesso Hirsch con l’attacco mani out a chiudere il set (25-19).

 

Secondo set:

Milano riparte con il turbo con il doppio ace di Hirsch a decretare il 4-0 iniziale con Tofoli a spendere di nuovo il primo time out. Il tedesco continua però a martellare dai 9 metri e una ricezione slash dei pugliesi consegna a Piano lo smash del 5-0. I pugliesi non riescono ad accorciare e il set scorre sul fluido cambio palla giocato da entrambe le formazioni in campo fino all’errore di Mirzajanpourmouziraji (attacco sull’asta e 11-5) con Tofoli nuovamente a giocarsi il secondo time out. Hirsch è scatenato: doppio muro vincente con Kozamernik a piazzare l’ace del 14-5. Castellana rosicchia due punti alla Revivre Axopower (15-8), poi Piano stampa un murone su Zanatta Buiatti. Milano si porta a +9 con l’attacco out degli ospiti, che diventa +10 con il muro di Kozamernik (21-11). Piano in primo tempo consegna a Milano 10 set point con il parziale chiuso 25-17.

Terzo set:

Gli ospiti partono on un ace di De Togni ma Hirsch risponde subito presente. È equilibrio vero nella prima parte di set con Basic e Hirsch a rispondere agli attacchi di Mirzajanpourmouziraji e Zanatta Buiatti. Piano piazza il secondo muro del match (il 500° in carriera) ed è 7-6. Scalda il braccio Zanatta Buiatti che piazza l’ace dell’8-10 e Giani si rifugia nel primo time out del parziale. Castellana Grotte sembra rinvigorita e, trascinata dall’opposto brasiliano, prova a scappare, con il tecnico milanese costretto a spendere il secondo time out sul 13-16. Basic attacca la diagonale del 16-16, ma Castellana riesce a portarsi nuovamente avanti con un break di vantaggio (16-18). Vantaggio che aumenta sul muro pugliese piazzato su Clevenot (18-21), poi l’ace di Wlodarczyk scrive 19-23. Giani gioca la carta Tondo dai 9 metri e Kozamernik sfrutta una ricezione slash per il punto del 21-23.

Quarto set:

Sulle ali dell’entusiasmo, i pugliesi provano a scappare (2-5), ma è Clevenot a tenere in vita i suoi (4-5). Lo stesso francese a mettere in crisi la ricezione pugliese fino al vantaggio di Milano con la parallela di Hirsch (7-6). I pugliesi giocano punto a punto e l’equilibrio regna sovrano. Clevenot piazza il muro del 12-11 su Zingel, ed ancora il francese ad armare il braccio per il 14-12 da posto 4 (con conseguente time out di Tofoli). La Revivre Axopower stacca di nuovo Castellana con la diagonale di Maar ed il muro di Hirsch (19-15), poi è ancora Maar a stampare il muro del 20-15 su Zanatta Buiatti. Hirsch sfodera due ace (23° e 24° punto), poi è l’errore in battuta di Zanatta Buiatti a scrivere la fine del match (25-19).


 

IL TABELLINO

Revivre Axopower Milano – BCC Castellana Grotte: 3-1

Parziali: 25-19, 25-17, 21-25, 25-19

Revivre Axopower Milano: Nimir Abdel Aziz 1, Basic 3, Kozamernik 9, Izzo, Sbertoli, Tondo, Maar 6, Hirsch 25, Piano 8, Clevenot 12, Pesaresi (L). N.e.: Hoffer (L), Gironi, Bossi. All. Giani

BCC Castellana Grotte: Zingel 6, Cavaccini (L), Falaschi, Scopelliti 1, De Togni 2, Mirzajanpourmouziraji 10, Zanatti Buiatti 20, Studzinski 1, Quartarone, Kovac, Wlodarczyk 11. N.e.: Pace (L), Khuzhov, Agrusti. All. Tofoli.

NOTE

REVIVRE AXOPOWER MILANO: 10 muri, 7 ace, 20 errori in battuta, 46% in attacco, 42% (20% perfette) in ricezione.

BCC CASTELLANA GROTTE: 4 muri, 5 ace, 15 errori in battuta, 40% in attacco, 31% (13% perfette) in ricezione.

 

Ultimo aggiornamento: 04-11-2018 21:00