Food Volley, alla scoperta della cucina piacentina con Aimone Alletti

Nuova puntata con la rubrica social Food Volley: Aimone Alletti ci presenta un primo piatto tipico della cucina piacentina.

MILANO –  Torna l’appuntamento con Food Volley, la rubrica social che unisce cibo e pallavolo sui canali social dell’Allianz Powervolley. Il centrale in maglia numero 8 dell’Allianz Powervolley Milano, Aimone Alletti, ci porta all’attenzione un piatto che appartiene alla tradizione della cucina piacentina.

“E’ un piatto che mi ricorda i pranzi in famiglia domenicali, quando ci si trovava con tutti i cugini e gli zii a casa dei nonni”.

Ricordi di infanzia per Alletti, nato a Codogno il 28 giugno 1988. Cresciuto anche pallavolisticamente a Piacenza, dove ha mosso i primi passi nelle giovanili, ha giocato in prima squadra con la maglia della sua città per 3 anni (2014-15, 2016-17, 2017-18). «Una cosa di cui ho bisogno per rilassarmi è vedermi con i miei amici. Ho un gruppo di amici storici a Piacenza, città che per me rappresenta tanto perché piena di ricordi. Siamo sempre in contatto e sono un punto fisso della mia vita».

Pisarei e faśö. I Pisarei e fasò sono il piatto principe della cucina piacentina, questa ricetta si perde nella notte dei tempi. Con i suoi ingredienti “poveri” svela le origini contadine del piatto. Una tradizione attendibile narra che la ricetta alla base dei pisarei e faśö si sviluppò nel Medioevo all’interno dei conventi del piacentino grazie ai monaci, che servivano ricette di ingredienti pover i ma nutrienti che sfamavano i pellegrini diretti a Roma, in transito sulla Via Francigena. Un tempo erano impiegati i fagioli di tipo dolico (Dolichos) anziché i borlotti e la ricetta non prevedeva la passata di pomodoro, in quanto i fagioli borlotti ed i pomodori furono introdotti in Europa solo successivamente, dopo la scoperta delle Americhe. Il comune di Piacenza ha attribuito il marchio De.Co. al piatto.

Ingredienti: Per l’impasto dei Pisarei (500 grammi di farina, 150 grammi pane grattuggiato, acqua q.b); Per il sugo (400 gr di fagioli secchi, lasciati a bagno nell’acqua un giorno circa, una cipolla, un sedano e una carota tritati, 250 gr di salsa di pomodoro, una salsiccia lucanica, un cucchiaio di lardo pestato, olio d’oliva, formaggio grana grattuggiato q.b., sale e pepe).

Preparazione: La pasta: versare il pane grattuggiato in una terrina e scottarlo con l’acqua, aggiungere la farina e formare un composto piuttosto morbido. Dall’impasto ottenuto formare delle striscioline. Tagliare le striscioline in gnocchetti e schiacchiarli successivamente con il pollice in modo da ricavare un piccolo incavo. Il sugo: in un largo tegame antiaderente versare due cucchiai di olio d’oliva. Fare soffriggere la cipolla con sedano e carota tritati finimente. Aggiungere poi il lardo, la salsiccia spezzettata e i fagioli scolati, facendo cuocere il tutto a fuoco lento per almeno un’ora. Aggiungere la salsa di pomodoro e lasciare cuocere finchè quest’ultima non si asciuga. Fare cuocere i pisarei in acqua bollente finchè non vengono a galla, avendo cura che rimangano umidi e condirli con il sugo.

Share